Google+ La Natura che ci circonda: 50 sfumature di...camaleonti

domenica 25 ottobre 2015

50 sfumature di...camaleonti

Ciao a tutti! Oggi non sarà la vostra Poiana a scrivere, bensì io! Anna Massè, proprietaria di http://andlightwas.blogspot.com . Perché sono qua oggi? Per partecipare al concorso “Guest Blogger per un giorno”, proposto da Blogghidee! L’ iniziativa, fatta in onore dei ben 4100 iscritti alla community Blogger and Blog, prevede che un blogger sia ospitato da un altro e si faccia valere con un bel post.
E io sono l’ospite di Poiana per questa volta! Vi lascio alla lettura del mio guest-post, sperando che vi piaccia e vi incuriosisca, pertanto: buona lettura a tutti!

50 sfumature di… camaleonti!

Animali che hanno sempre catturato l’attenzione di grandi e piccini, i camaleonti (Chamaleonidae) sono una famiglia di rettili appartenenti al sottordine dei sauri. Sono famosi per le loro capacità mimetiche, la loro lunga lingua che cattura insetti molto velocemente e le loro sembianze che ricordano molto degli animali preistorici.
Negli ultimi decenni stanno diventando sempre più comuni nelle case, come rettili domestici o nuovi animali da compagnia. Scelta originale e decisamente non convenzionale quella di portarsi in casa un amico squamato!
Questi animali sono originari dell’Africa, Asia Minore e Medio Oriente, preferendo una vita sugli alberi dove possono nascondersi tra le foglie. Hanno abitudini diurne e anche se possono sembrare animali piuttosto pigri e noiosi, essendo in grado di rimanere perfettamente immobili anche per ore quando sono alla caccia di insetti, sono in realtà estremamente affascinanti. Si nutrono quasi esclusivamente di insetti catturandoli con la lunghissima lingua che talvolta supera il corpo in lunghezza, alla fine della quale vi è una protuberanza muscolare ricoperta di muco appiccicoso che permette di afferrare la preda con più facilità. Non possiedono orecchie ma percepiscono alcune vibrazioni, che utilizzano come mezzo per comunicare tra individui della loro specie, producendole facendo oscillare foglie e rami.
Vi sono centinaia di sottospecie diverse di camaleonti, tra cui:

il popolarissimo Chamaeleo calyptratus


O il particolarissimo Trioceros jacksonii


E il preistorico Calumma parsonii, che ricorda moltissimo un triceratopo secondo me!


O ancora, il coloratissimo e vistoso Furcifer pardalis ambilobe



Ma vediamo ora qualche curiosità! 

È vero che i camaleonti cambiano colore? 
Si, è vero seppur questa caratteristica sia spesso sopravvalutata. Alcuni camaleonti possono cambiare colore grazie a delle particolari cellule denominate cromatofori, presenti nel derma, che contengono diversi pigmenti. Queste cellule, presenti anche in altri animali quali seppie e polpi, vengono stimolate da ormoni e neurotrasmettitori (come la noradrenalina) causando la concentrazione o diffusione della melatonina sulla pelle facendola apparire più chiara o più scura. Da che cosa è indotto questo cambiamento di colore? Molti di voi potranno pensare si tratti di mimetismo, il che è solo in parte vero. I camaleonti infatti cambiano colore in base a diversi fattori: la variazione della temperatura, che porta l’animale a essere più chiaro per riflettere una maggiore quantità di luce ed abbassare la sua temperatura corporea oppure più scuro nei mesi freddi in modo da assorbirne una maggiore quantità e aumentare la sua temperatura interna;



la presenza di altri animali che nel caso dei maschi assumono colorazioni più vistose per intimidire possibili rivali della stessa specie ed attrarre le femmine, oppure più chiare in segno di sottomissione; lo stato di salute, umorale, soprattutto nel caso delle femmine gravide che tendono ad avere colorazioni più scure in modo da evitare stress e pericoli, e infine per questioni di mimetismo in modo da facilitare la predazione di insetti o proteggerli nel caso un predatore sia nei paraggi.



Per chi non lo sapesse, inoltre, in Italia sono preseti diverse specie di camaleonte che fanno parte della fauna tipica di alcune zone del sud. Recentemente è stata scoperta la presenza del camaleonte comune (Chamaleo chamaleon) in Calabria. Dopo più di vent’ anni di ricerca, lo scorso 25 settembre è stata trovata una piccola colonia di Camaleonte Mediterraneo in un uliveto vicino a Reggio Calabria. 

E se questo ritrovamento fosse stato causato da una distrazione di qualche allevatore che si è fatto scappare il camaleonte da casa? 

Molto improbabile, perché se fosse stato così non avrebbe colonizzato intere zone riproducendosi, non riuscendo ad adattarsi alle normali temperature ambientali, nettamente diverse da quelle riprodotte artificialmente nel terrario.
Quindi possiamo dare il benvenuto a questi animali esotici, strani ed unici che adesso sono parte del patrimonio della fauna della nostra nazione! E ovviamente sono protetti, quindi toglietevi dalla testa di mettervi nella borsa del mare un camaleonte da portarvi a casa la prossima volta che andrete in vacanza in Calabria. Se siete interessati al loro allevamento ricordate: prima si studia poi si compra. Non fate la sciocchezza di comprare un animale che poi non sapete gestire e vi morirà nel giro di poche settimane.


Di seguito trovate il link specifico con i metodi di allevamento di ciascuna specie reperibile in commercio: http://camaleontiamoitalia.weebly.com/

32 commenti:

  1. Risposte
    1. Vero? Io ho biecamente approfittato dell'iniziativa di blogghidee per scoprire qualcosa che non sapevo a spese di Anna uhauhauhauhauha. Scherzi a parte, brava e grazie a lei :) anche perché ho davvero scoperto una cosa che non sapevo, ovvero che i camaleonti non hanno le orecchie :/
      Baci baci Patricia, vi lascio ad Anna ;)

      Elimina
  2. Macchè grazie a te che sei stata gentilissima e mi hai ospitata ^_^ mi fa sempre piacere parlare delle mie passioni e delle cose che mi piacciono :)
    Ahahahah fondamentale sapere che i camaleonti non hanno orecchie! Sono quelle scoperte che ti cambiano la vita :P
    Davvero grazie ancora!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scherzi? Ora che lo so sono certa che passerò l'esame di patologia generale con 30 e lode xD ahahahahah
      Grazie a te e buona serata

      Elimina
  3. Bravissima Anna, e Poiana per l'ospitalità :D
    I camaleonti sono sempre stati degli animaletti che mi hanno incuriosita fin da bambina :)))
    Sono davvero contenta :D domani aggiorno il post, sarà difficile scegliere, un salutone e... buon blogging ragazze yeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao blogghidee,
      è bello leggerti qui. Grazieeeeeeee
      io ancora gli altri non li ho letti,ma hai ragione, di sicuro non sarà una scelta facile.
      Buona serata

      Elimina
  4. Anna è sempre un piacere reggerti.
    E un brava anche a Poiana per averti ospitato. ,)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick,
      Anna è brava e si intende di argomenti su cui io sono meno ferrata. Potrei anche prenderci gusto ;)

      Elimina
    2. Grazie Nick! Io ci provo a scrivere cose interessanti, anche se a volte sono noiosa :) sono contenta che ti sia piaciuto!

      Elimina
    3. Anna è sempre un piacere reggerti. O_o
      Maniaco!!! (-_-)

      Elimina
  5. Molto interessante il post e complimenti anche per la scelta dell'argomento, i camaleonti suscitano sempre interesse.
    Anch'io non sapevo fossero privi di orecchie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu ora dormirai meglio allora :D
      Buona serata Michele

      Elimina
  6. Anche molti serpenti non le hanno, ma queste sono minuzie da allevatori ed erpetologi ;) Grazie mille ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dei serpenti lo sapevo dopo aver visto alla tv un ragazzo che parlava di come chiamava il serpente che teneva in casa: con le vibrazioni battendo i piedi per terra.

      Elimina
    2. Ecco di certo non puoi chiamarlo fischiando come se fosse un cane... Ma seriamente? Un ragazzo che chiama il serpente? I miei se ne fregano altamente se ci provo xD

      Elimina
  7. Complimenti, da veterinario, posso dare un giudizio sicuramente, NON da esperta..visto che i rettili in generale si studiano poco. Quando arrivavano animali del genere c'era sempre uno specialista.
    Bel post, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so! Purtroppo anche da noi in università invece di parlarti di rettili puntano su grandi animali da produzione o clinica di base... Non è nemmeno facile fare esperienza perché i corsi specialistici sono pochissimi! Ma la mia è una passione che mi porto dietro sin da bambina e alla fine dopo anni di allevamento e sacrifici per entrare in corsi extra un po' speciali, mi ripaga molto, talvolta facendomi avere più esperienza di un laureato da parecchio tempo. È davvero una grande soddisfazione :)

      Elimina
    2. Ho lo stesso identico problema con la medicina dei selvatici. Ovviamente questi animali non si studiano e pensare di frequentare corsi esterni all'università qui da me è impossibile. Tocca fare da autodidatta oppure rimandare a dopo e andare fuori.
      Comunque noto con piacere che la figura veterinaria (o quasi veterinaria) è ben rappresentata oggi :D

      Elimina
  8. Mi sono sempre stati molto simpatici, per una vaga somiglianza anche con un mio vecchio zio che camminava anche come loro, lingua a parte( era molto taciturno)
    Gran bel post come sempre..
    Un bacio della buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella,
      Stavolta il merito non è mio.
      Un abbraccio e buona notte cara

      Elimina
    2. Ahahahah in effetti certi camaleonti hanno delle facce! Grazie :D
      Io e Poiana abbiamo fatto una gran bella collaborazione secondo me :)

      Elimina
    3. Anche secondo me... ed infatti non escludo che in futuro si possa ripetere l'esperienza se siamo entrambe d'accordo...

      Elimina
  9. Ahahahaha... fortissimo il titolo del post che ho letto in un battibaleno... ma sono bellissimi e che colori,,, c'è anche il camaleonte che assomiglia ad un triceratropo, dove farlo vedere a mio nipote, chissà poterebbe essere davvero un loro lontano discendente,Bellisima iniziativa, brava poiana che hai ospitato B

    Ahahahahah! Che forte il titolo.
    Bella e giocosa iniziativa, brave entrambe per aver partecipato.
    Anna Massè, sono rimaste particolarmente colpita dai bellissimi colori dei camaleonti, poi c'è anche quello che assomiglia ad un triceratopo devo proprio farlo vedere a mio nipote ;)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna ^_^ mi fa molto piacere sapere che sia sato apprezzato il mio articolo! Beh in realtà si, evoluzionisticamente parlando i rettili moderni non sono che i discendenti degli antichi dinosauri (per farla semplice). Si hanno dei colori davvero stupendi, alcuni sembrano persino dipinti!

      Elimina
    2. La cosa che sconvolge di più è sapere che anche gli uccelli sono discendenti dei dinosauri...... qualcuno dice addirittura più prossimi dei rettili.

      Elimina
  10. Grazie Anna Maria.
    È stata davvero una bella iniziativa quella di Blogghidee :)
    Ti auguro una buona giornata

    RispondiElimina
  11. Il post è molto interessante è mi è piaciuto, devo dire che dovevo abbassare la pagina ogni volta che mia moglie si avvicinava... si impressiona... che posso farci hahahaha. bello e istruttivo, complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimiliano,
      ahahahah, consola tua moglie, quella verso i rettili è una fobia molto frequente, ma come tutte le fobie con un po' di pazienza si supera.
      Buona serata ^_^

      Elimina
  12. Bellissimi Poiana sono animali quasi magici i camaleonti e dai tanti magnifici colori
    Fantastico post colorato ! <3 :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arwen,
      Vero i camaleonti piacciono un sacco anche a me e pensare che ne v esiste una colonia nella mia regione mi fa un certo effetto (strano). Chissà quanti animali che non immaginiamo vivono proprio vicino a noi.
      Ti auguro una buona serata :)


      P.S. voto ricambiato :)

      Elimina

Se volete lasciatemi un segno del vostro passaggio: una vostra impressione, un saluto, una critica. Sarà tutto ben accetto e mi aiuterà a crescere ed andare avanti.