Google+ La Natura che ci circonda: L'albero del peccato

martedì 5 aprile 2016

L'albero del peccato

Ebbene sì, l'ho trovato! Ma si tratta di un ulivo, non di un melo. Di che sto parlando? Ma dell'albero del peccato sul quale il serpente ha tentato Eva. Eccolo qui:


Lo vedete? È mimetizzato fra i rami di questo ulivo. 
Va be' povero serpentello innocente... in realtà stavo semplicemente passeggiando in campagna con Ciro e Otto, quando ho sentito un fruscio sospetto. Ho guardato fra le fronde dell'albero pensando a qualche uccellino (magari un "Falco dalle piume argentee" :D) e invece ho visto una coda lunga muoversi e sparire fra le foglie. Ho indagato meglio ed ho trovato questo giovane biacco  (almeno presumo che sia un giovane biacco, visto che non sono riuscita a vederlo bene), impegnato ad arrampicarsi da un ramo all'altro per sfuggire al mio sguardo curioso. Molto curioso in effetti, perché di serpenti ne ho visti tanti, ma su un ulivo non mi era mai capitato. Come vedete, quando mi sono spostata per guardarlo "si è messo in posa", una posa che sta a dirmi: "prova ad andare oltre la semplice osservazione e a mettere la mano e ti faccio male!". Il suo timore comunque non è fondato: mi è bastata la sorpresa di incrociarlo,  poter assistere a questa attività di "caccia al nido" e scattare un paio di foto, anche perché l'ultimo biacco che ho dovuto maneggiare era lungo si è no 15 centimetri e mi ha massacrato le mani. 
Perché credo che sia un giovane biacco pur avendolo visto male? Semplice: l'ho chiesto all'esperto faunistico XD No, va be', a parte la conferma che mi ha dato lui, l'idea del biacco dipende dal fatto che la Natrix natrix, che ha una colorazione simile a questa, solitamente non si arrampica. Altri serpenti arboricoli di queste zone sono il Cervone e il Saettone, ma il colore non corrisponde, quindi, per esclusione e per il parere incontrastabile dell'esperto (che ovviamente non sono io), dico che è un biacco. 
Ora sono in giardino e ascolto il canto delle civette, che qui non dormono mai, e quello dei cardellini e delle rondini. 
Quanto mi piace studiare in campagna! ❤


17 commenti:

  1. Bleah!!!!!!!
    Por f avor, Poianina, la prossima volta mettilo nel titolo che c'è un serpente.... io ho il terrore!
    E non dirmi che è innocuo, che è utile che mangia i topi, tanto io ho paura lo stesso!!!
    :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia :D
      Allora ti dico che la migliore terapia e quella d'urto. Devi toccarne uno come ho fatto io per farmi passare la paura :D

      Elimina
    2. Ma povera bestia Patricia... è innocuo, mica di quelli velenosi!

      Elimina
  2. Neanche morta!!!!!

    Ti scrivo in privato. Volevo chiederti un consiglio se pui e hai voglia.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uff, non hai spirito di avventura XD
      Certo fa pure. Se posso ti aiuterò volentieri.
      Baci

      Elimina
  3. Qui in Riviera del Brenta, il Biacco sta lentamente ricomparendo anche se i serpenti più diffusi rimangono ancora le bisce e gli orbettini.
    Niente vipere per la gioia di Pat! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nick, tesoro mio, per me, grandi o piccoli che siano,... tutti anaconde!!!!!! bleah!

      Elimina
    2. Ciao Nick. Qui fortunatamente non sono mai spariti, anche se l'anno scorso non ne ho visti. Oggi ne ho incrociati due; il secondo era adulto.
      Faccio notare che gli orbettini sono sauri, non serpenti, sebbene gli assomiglino :) lo so che rompo, ma è deformazione professionale ahahahah
      Baci baci

      Elimina
  4. Ma che bello!
    A proposito, Poiana, ho un ulivo e non ha più foglie, sembra proprio morto, che ne dici sarà morto davvero o c'è speranza?
    Io adoro l'ulivo, questo ce l'ho da due anni. Quest'inverno l'ho ritirato in un ambiente non gelido e non riscaldato, ma sono cadute tutte le foglie.
    Dimmi che c'è speranza. Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa,
      Se ha perso tutte le foglie probabilmente non c'è niente da fare, mi dispiace :(

      Elimina
  5. Risposte
    1. Mio padre diceca che potrebbe anche avere avuto una malattia molto forte ed aver perso le foglie per questo (ora però dovrei ricordarmi il nome della malattia; era una cosa tipo "occhiatura di pavone"), però è piuttosto difficile che si riprenda...

      Elimina
  6. Ahahaha! mi ha fatto sorridere questo post :) Ad alcuni pare strano ma a me i serpenti piacciono. L'anno scorso uno piccolo (non sono esperta come te quindi non so che specie fosse), ce lo siamo ritrovato in sala, con mio marito terrorizzato e io che sono riuscita a metterlo delicatamente in un secchio per farlo uscire... ahahah! E' sempre piacevole passare da te, un caro abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivy, è un piacere averti di nuovo qui :) personalmente non ci trovo niente di strano, anzi... anche a me piacciono molto. E anche al tatto sono meravigliosi.
      Certo è strano immaginare te che lo prendi è tuo marito che scappa... ahahah :)
      Buona serata ed un abbraccio a te ^^

      Elimina
  7. Belli belli i rettili, affascinanti, misteriosi, eleganti.
    Lucertole, gechi, ramarri, orbettini, natrici, frustoni e... anaconde ;)
    Qui il biacco lo chiamano frustone, e nella mia terrra d'origine carbonaz (biacco nero)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vera,
      Infatti mi stavo chiedendo cosa fosse il frustone :D qui lo chiamano "lu scursuna" in dialetto. Comunque anche lui viene spesso confuso con la vipera (non ho capito come). Credo che l'anaconda sia il serpente che mi piace di meno in assoluto, ma sicuramente anche quella ha il suo fascino.
      Buona serata :)

      Elimina
    2. Li confondono con le vipere perchè la paura fa scambiare tutto per vipere, se qui ci fossero i cobra allora tutto sarebbe un cobra

      Elimina

Se volete lasciatemi un segno del vostro passaggio: una vostra impressione, un saluto, una critica. Sarà tutto ben accetto e mi aiuterà a crescere ed andare avanti.