Google+ La Natura che ci circonda: 5 buoni motivi per stare in mezzo alla Natura

sabato 25 ottobre 2014

5 buoni motivi per stare in mezzo alla Natura

Quante volte vi avranno ripetuto che fa bene passeggiare in mezzo al verde?! Mai? Bene allora ve lo dico io: passare una giornata in mezzo alla Natura fa bene. 
Per esempio, in questo periodo io sono in uno stato pessimo: sempre stanca, dolorante, nervosa, dormo male, sono stressata ed apatica e, da quando sono tornata in città, anche la mia respirazione non è al top. Be' martedì non ne ho potuto più, così sono passata a recuperare la mia attrezzatura da equitazione per poi proseguire andando a trovare una persona che sta tentando di convincermi da mesi a prendere un certo cavallo (purtroppo non posso per problemi di tempo).
Dopo aver pranzato mi ha portata in campagna, dove ho trovato in perfetta salute due gattine che gli avevo regalato tempo prima; in seguito mi ha "presentato" la sua nuova cagnetta mentre gli altri pelosetti, che già conoscevo, mi riempivano di feste. Dopo più di un'ora passata fra un'anatra muta con i suoi 11 pulcini, una capretta rimasta incastrata in un recinto (giustamente con la porta spalancata ha preferito passare in mezzo alle assi), le galline, le vacche, le pecore, le noci cadute dagli alberi, le mele, il fieno e non so più nemmeno io cosa, siamo andati
a trovare Fulmine, il cavallo (o meglio, uno dei cavalli).
Entrati nel recinto ho provato a farmelo amico dandogli un po' d'erba e poi lo abbiamo sellato. Ho retto in sella una ventina di minuti, dopodiché ho preferito scendere perché, dopo 4 anni di ferma, non osavo pensare alla reazione dei miei muscoli (e infatti ancora oggi mi fanno male). Abbiamo accompagnato il nostro amico equide a bere e poi lo abbiamo riportato al recinto, dove ci ha fatto capire molto gentilmente di non gradire averci intorno durante la cena... ovviamente dopo aver mangiato le carote che gli avevamo offerto. Di conseguenza abbiamo girato i tacchi e siamo tornati dai cani e dai gatti che mi hanno fatta andare in "overdose da coccole". 

Dopodichè sono rientrata (con gli abiti in condizioni pietose), mi sono lavata, ho cenato, ho portato a spasso i miei cani, e sono andata a letto. Inutile dire che ho dormito come un sasso tutta la notte, finalmente rilassata, stanca morta ma contenta, con i polmoni liberi e, be' è il caso di dirlo, i muscoli a pezzi (ma questo solo per il giretto a cavallo).
Morale della favola, passare una giornata in campagna:
  1. Fa bene all'umore, perché i rumori della Natura ed il contatto con la flora e la fauna aiutano a rilassarsi;
  2. Fa fare esercizio fisico, camminando o correndo, andando a cavallo o in bicicletta, raccogliendo frutta, funghi o altro;
  3. Aiuta a staccare dal tran-tran giornaliero ed allo stesso tempo fa riscoprire cose che non siamo più abituati a vedere (quanti di voi hanno mai visto un'anatra gironzolare libera insieme ai suoi pulcini?!);
  4. Migliora l'ossigenazione dei polmoni e quindi la respirazione (per chi è allergico alle piante si può ovviare con una passeggiata al mare);
  5. Aiuta a dormire, perché stanca ed allo stesso tempo tranquillizza e, come già detto, ossigena l'organismo.

Se siete amanti della Natura cercate di ritagliare qualche momento da trascorrere in mezzo ad essa e da dedicare a voi stessi; se invece siete cittadini inguaribili con la fobia per qualsiasi cosa non abbia microchip e circuiti, cercate di fare un piccolo sforzo e di prendervi cura di voi stessi: magari abbandonate lo smartphone o l'I-pad per un po' e sedetevi su una panchina in un parco a leggere un libro cartaceo, poi cominciate a passeggiare nelle zone più verdi e meno trafficate, iniziando a guardarvi intorno; potreste scoprire che le ali di una farfalla sono più belle viste dal vivo e magari vi appassionerete alle gite. Certo non è la stessa cosa, ma può essere un piccolo passo per abituarsi alla "Natura selvaggia" e poi proseguire in ambiti meno urbanizzati, portando benefici alla mente, al corpo e allo spirito...

2 commenti:

  1. Hai ragione, io ogni volta che vado in campagna è come se staccassi la spina dalla città,dallo stress e dal lavoro..

    RispondiElimina
  2. Buona sera Giuseppina e grazie per il commento e la visita, che per altro mi sembra essere la prima (ma spero non l'ultima :) ).
    Proprio per questi motivi bisognerebbe trovare il tempo di passeggiare più spesso in campagna o in montagna, in modo da trarne giovamento sia per la salute che per l'umore.
    A presto e buona notte
    Poiana

    RispondiElimina

Se volete lasciatemi un segno del vostro passaggio: una vostra impressione, un saluto, una critica. Sarà tutto ben accetto e mi aiuterà a crescere ed andare avanti.